La visura camerale per il nuovo bando della Regione Lombardia

Per le iniziative legate all’EXPO di Milano, la Regione Lombardia ha creato un bando per le aziende che operano nel settore turistico. Per verificare la tipologia dell’attività e se si ha diritto a chiedere i contributi messi a disposizione tramite bando si rende necessaria la visura camerale, ottenibile presso la Camera di Commercio oppure sui vari portali di aziende autorizzate da Infocamere, come ad esempio visuracameralesubito.it.   Per partecipare, l’attività turistica può chiedere dei fondi per ristrutturare la propria sede e offrire maggiori servizi ai turisti provenienti da tutto il mondo per la Carta di Milano. Nel bando, la Regione si pone come garante se l’azienda chiede un prestito a una banca convenzionata.   Chiedendo un finanziamento fino a 300mila Euro, l’imprenditore si troverà a pagare solo il 3% come tasso di interesse: il tasso agevolato resterà per tutto il piano di ammortamento. Il bando è riservato solo alle aziende che, dalla visura camerale, risultano trovarsi nella Regione Lombardia.   Per aderire, dovrai prese Leggi tutto

Protesto assegno: la beffa per un imprenditore nel cuneese

Fatturava due milioni di Euro all’anno e dava lavoro a 27 dipendenti: inizia così la storia di un imprenditore di Cuneo che, per via di una procedura di protesto assegno, ora si trova solo e sull’orlo del fallimento.   Tutto comincia nel 2006, quando l’uomo trova nelle Olimpiadi di Torino un modo per potenziare l’attività di famiglia, ereditata da suo padre. Nonostante la perdita ingente dovuta al fallimento dell’investimento (che coglie di sorpresa centinaia di piccole e medie attività), l’imprenditore riesce a portare avanti la sua attività e a mantenere i posti di lavoro, finché non riceve la telefonata del proprio istituto di credito, che lo invita a pagare un assegno scoperto per 1500 Euro.   La procedura del protesto va avanti: con il pezzo di carta, la banca provvede a pignorare la casa di proprietà dell’uomo, i mobili e i conti correnti che l’imprenditore utilizzava per la sua attività. A questo punto, l’imprenditore è costretto a dichiarare fallimento e a licenziare tutti i suoi dipendenti.   Alla domanda se a Leggi tutto

Scoprono di aver perso la commessa dalla visura camerale

Dopo questo periodo, l’azienda contatta alcune ditte per risistemare parte della pavimentazione stradale: si erano costituite delle crepe che avrebbero causato disagio per gli automobilisti. Le ditte in subappalto firmano due contratti: il primo con l’azienda, per ripristinare le crepe, il secondo con l’Anas, perché il manto stradale è di proprietà dell’ente pubblico. Le aziende iniziano a lavorare, ma durante i lavori di ripristino si accorgono che i pagamenti subiscono dei ritardi, fino a esaurirsi del tutto. I lavori si fermano e si contatta la ditta genovese per definire le modalità di pagamento. Le aziende in subappalto non si preoccupano molto del mancato pagamento: la visura camerale dell’azienda è già stata valutata dall’Anas in sede di gara di appalto e l’ente sa perfettamente che il lavoro di ripristino del manto stradale è stato commissionato a loro. Pensano che la società pubblica garantirà i pagamenti in caso di problemi, così come stabilisce la legge e come conferma la prassi quando si tratta di appalti pubblici di un Leggi tutto

admin

settembre 15, 2012

  Interessante ed innovativa l’iniziativa promossa dal comune di Napoli per incentivare la legalità sulle sue strade. E’ stata infatti promossa una convenzione stipulata con l’agenzia di intermediazione assicurativa online Conte.it facente parte del Gruppo Admiral p.l.c. per la stipula di polizze assicurative a prezzi vantaggiosi. A distanza di un paio di mesi dalla messa in opera del progetto l’assessore alle attività produttive Marco Esposito constata già un buon andamento dei risultati. In che cosa consiste questa iniziativa? Ogni cittadino napoletano che ha dimostrato la propria capacità di guida virtuosa senza prendere multe per infrazioni o causare sinistri e che sia in regola con i pagamenti della Tarsu, può collegarsi al sito del comune di Napoli, registrarsi e procedere con la preparazione di un preventivo assicurativo direttamente sul sito Conte.it. Di fatto questa è la prima volta che un ente pubblico arriva ad autoregolamentarsi sull’Rc auto e il risultato è un’ottima occasione per i cittadini napoletani di poter sottoscrivere una polizza legale Leggi tutto